24 Agosto 1943: in memoria di ETTORE MUTI

Estate 1943, nell’Italia passata da Mussolini a Badoglio accadono cose strane. Ettore Muti, eroe di guerra pluridecorato, ex segretario del Partito Fascista, dà fastidio anche perché non vuol collaborare col governo nato dal golpe del 25 luglio che aveva rovesciato il Duce. Badoglio teme anzi che intorno alla figura di Muti possano riorganizzarsi i fascisti. E così, la notte tra il 23 e il 24 agosto per Muti scatta la condanna. Un’operazione sporca di cui, col tempo si è saputo ogni particolare.

ETTORE MUTI EROE D’ ITALIA


In una nazione in crisi di ideali, anche il ricordo di un eroe puo’ aiutare a crescere.
Ettore Muti, ravennate, classe 1902, prima di essere fermato da un colpo vigliacco alla nuca nell’estate ’43, è stato il vero ultimo eroe della storia militare e rivoluzionaria Italiana, alla faccia di chi la storia non la vuole insegnare, propinandoci solo miti esotici alla Cheguevara.
Ettore Muti è stato un giovane che si era ribellato, come altri suoi coetanei, alla standardizzazione del sistema e che, come pochi anni fa cantava Lucio Battisti, si è sentito libero di rifiutare le “ideologie alla moda” che nell’inizio secolo erano dettate dai grandi stati conservatori centrali: per Muti ed i suoi compagni solo l’uomo contava e non il blasone che lo rappresentava. Muti è stato un simbolo in quell’Italia di prima metà del secolo, che in pochi anni ha saputo ricostruire un paese arretrato e privato della sua personalità dai troppi colonizzatori, un’Italia che in quegli anni ha saputo esprimere il meglio della propria cultura di antiche tradizioni.
Certo molti Italiani già possedevano quei valori nel loro patrimonio, ma Muti è stato il sublime 
esemplare di eroe senza macchia e senza paura, pronto sia a difendere la libertà del popolo, che 
a sviluppare il moderno pensiero social-futurista nato tra gli arditi del D’Annunzio e sviluppato da sindacalisti come Corridoni o politici come Mussolini. Muti era affascinato dalla rivoluzione, fosse essa da rivendicare in Spagna come in Somalia, in Italia come in Anatolia. Ettore Muti SIGNORI, a sedici anni già si trovava a difendere l’Italia combattendo nei reparti d’assalto della prima guerra mondiale, mentre a quasi venti lottava da veterano a fianco del D’Annunzio per il diritto di Fiume ad essere una libera città.
Muti fu glorioso negli innumerevoli duelli vinti nei celi di mezzo mondo. Resta infatti famosa la battaglia di Alcazar, combattuta solo contro 18 caccia nemici, mandati tutti in fuga dopo averne abbattuto più d’uno.
Muti, anche dopo la sua morte, è stato il simbolo di quei giovani da poco diciottenni che, dopo il 1943 hanno preferito una morte onorevole, difendendo, con la divisa della Repubblica Sociale Italiana o con quella della Xa MAS i confini della patria dal tradimento dei savoia, fuggiti a Napoli dopo aver lasciato l’Italia nel caos, tra i tedeschi che sentendosi traditi e braccati schiacciavano la popolazione da una parte e con la forza sovrastante dell’esercito Slavo e Sovietico che premevano per annettersi la Venezia Giulia dall’altra parte. Anche a loro memoria, senza voler dare giudizi politici alle loro gesta, è dedicata la storia narrata in questa paginaMuti, nel suo essere soldato, cavaliere e rivoluzionario, non ha avuto mai paura di immolarsi per i suoi fratelli italiani; egli era e spero resterà per chi avrà la fortuna di conoscerne la storia, il simbolo di un’Italia che, in un breve arco di tempo, come una folgore nella sua millenaria storia, ha segnato indelebilmente la coscienza ed i cuori di un popolo forte e geniale; un popolo che, alle soglie del duemila, ha ancora bisogno di riconoscersi, per potersi criticare liberamente, sia nelle sue pagine più gloriose, come in quelle più tristi…. un popolo che non può non ricercare in quegli ideali l’energia per ribellarsi a quella morte lenta, chiamata “normalizzazione”.

Dal tronco del Fascismo, folgorato dal tradimento regio del 25 luglio, il 18 settembre, dopo l’infausta parentesi badogliana, rifioriva la nuova robustissima pianta dello squadrismo .
E come nel 1919 il fascismo fu prima di tutto squadrismo, cioè azione,così il fascismo repubblicano, risorgeva sotto il segno dello squadrismo.

Il giorno dell’appello-radio del Duce, restituitoci per divino disegno, da un pungo di eroi tedeschi, alcuni uomini delle vecchie squadre d’azione, ringiovaniti nello spirito, dal disperato ma contenuto dolore e dalla ferrea volontà di rinascita, si ritrovarono e si riconobbero, nella stessa parola d’ordine del Capo:combattere.Combattere per vincere.Vincere per ridare vita onorata all’Italia.
La passione di quei pochi, 18 in tutto, ben presto dilagava dall’angusta piazza di San Sepolcro, riaccendendo la sopita passione, rimovendo la perplessità accorata di molti, ancora attardati dal dubbio.Ma più ancora i “18” si ripresentavano alla vita vile degli italiani, supinamente disposti a subire l’onta della disfatta senza combattere, signori di coraggio e di audacia.
I ranghi della prima squadra “Ettore Muti”, ben presto si ingrossarono; nuove squadre dai cari indimenticabili nomi degli eroi della vigilia, si riformavano per incanto.
La rinnovata primavera del sangue, irrompeva travolgente nel buio inverno spirituale e morale della Patria, accorata ma non doma, dall’avverso destino.

La speranza ritornava in molte coscienze.Il rigagnolo ben presto diventava travolgente fiume.
Chi rimaneva contro di noi? Il numero poco conta.”Molti nemici, molto onore!”.
La lotta serrata e senza quartiere ben presto aveva ragione della piazza.Le case del fascio, chiuse dal governo del tradimento, venivano riaperte.Il fascismo riconquistava col sangue, il diritto a dirigere il Paese, sulla via dell’onore e del combattimento.
L’ambiente era presto tonificato e tutto intorno era promessa di rinascita.Il popolo assente prima, titubante poi, cominciava a riavvicinarsi al fascismo, sicura premessa di ripresa della coscienza dei doveri dell’ora.Le squadre di azione avevano così assolto al loro compito e per ordine del Duce, venivano sciolte.
Non volendo disperdere ma conservare e possibilmente potenziare lo spirito squadrista, per concorde decisione dei Comandanti delle squadre, veniva formata la Legione “Ettore Muti”.La quale, conservando intatte le forze spirituali del volontarismo squadrista, le potenzia in una quadrata ed organica formazione che, costituisce oggi una poderosa salvaguardia, contro le forze del disordine e del disfattismo.

“Il 19 marzo è la data di costituzione della Legione.Il 23 dello stesso mese, nella storica ricorrenza della fondazione dei Fasci di Combattimento, per ordine del Duce, una formazione mobile composta di 500 Arditi, in completo assetto di guerra, veniva avviata in zona di impiego.Il battesimo del fuoco, nella lotta antipartigiana, era quanto mai doloroso.Cadevano a diecine i nostri migliori.Ma dal loro sacrificio fiorivano le premesse di un più solido organismo.Nuove reclute affluivano.Tra queste parecchi renitenti, riconquistati al dovere;molti militari affascinati dalle gesta della Legione.La “Ettore Muti” col sangue dei suoi eroi, e l’ardimento degli Arditi, si era conquistata il suo “Mito”.
Da allora ad oggi, il numero degli Arditi volontari, è andato gradatamente aumentando, tanto da rendere necessario lo sdoppiamento della Legione in due formazioni.L’una mobile, dislocata in zona d’operazione, l’altra territoriale per i servizi di polizia ausiliaria.Troppo lungo sarebbe qui riepilogare le azioni compiute.Basta a riepilogarle l’ambito onore dell’ologio del Duce:” La Legione “Ettore Muti” è la mia “pupilla” e gli Arditi sono veramente tali, degni di portare il nome dell’Eroe”. Così il Duce.
Nel nome purissimo dell’Eroe ravennate e serrata nel cuore l’alta consegna, concludiamo con il giuramento di sempre: Con Mussolini e per Mussolini, ovunque e dovunque, fino alla morte.Questo è lo spirito; questa la ferrea volontà di tutti i “Mutini”.Oggi più di ieri, domani più di oggi; crescendo di amore e di dedizione”

tratto da: La marcia continua. numero unico a cura dell’Ufficio Stampa del P.F.R. pubblicato nella ricorrenza del 28 ottobre 1944- XXIII


Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /web/htdocs/www.associazione-memento.org/home/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 445